Gas fluorurati a effetto serra: in arrivo le sanzioni nei casi di violazione

Home - Gas fluorurati a effetto serra: in arrivo le sanzioni nei casi di violazione

gas

Le sanzioni per le violazioni sui gas fluorurati a effetto serra sarebbero dovute arrivare già da tempo. Ad oggi il Governo non le ha rese note, incorrendo tra l’altro nelle ire dell’Europa. Vediamo cosa sta succedendo a riguardo e cosa possiamo aspettarci.

Cosa sono i gas fluorurati e perché pesano sul clima globale

I gas fluorurati a effetto serra, noti anche come “F-Gas”, sono una famiglia di gas di origine antropica, utilizzati in diverse applicazioni industriali. Gli F-Gas hanno un potente effetto sul riscaldamento globale (fino a 23 mila volte superiore a quello dell’anidride carbonica, CO2 ). Il regolamento europeo su tale argomento mira a contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici riducendo le emissioni di gas F nell’UE di due terzi entro il 2030.

La costituzione in mora dell’Italia notificata dall’Europa

Il 25 luglio, la Commissione ha deciso di inviare all’Italia (e alla Romania) lettere di costituzione in mora per non aver notificato le misure nazionali relative alle sanzioni nei casi di violazione delle norme dell’UE in materia di gas fluorurati ad effetto serra [regolamento (UE) n. 517/2014]. Vediamo cosa stabilisce la norma europea.

Cosa stabilisce l’Europa in materia di f-gas?

Il diritto dell’UE stabilisce norme rigorose sull’uso dei gas fluorurati e sulle condizioni relative all’immissione sul mercato di prodotti contenenti tali gas. In base alle norme adottate dagli Stati membri, entro il 1º gennaio 2017 le sanzioni avrebbero dovuto essere predisposte e tutte le misure atte a garantirne l’applicazione avrebbero dovuto essere adottate. Solo in seguito alla notifica di messa in mora il governo si sta adoperando per la comunicazione ufficiale delle misure nazionali in materia di sanzioni in caso di violazione dei contenuti del Regolamento europeo.

Ecco le sanzioni previste e la loro valenza per il clima

Le sanzioni devono essere:

  • efficaci
  • proporzionate
  • dissuasive

L’introduzione di sanzioni adeguate a livello nazionale ha lo scopo di sollecitare l’attenzione dell’Italia al contenimento dei cambiamenti climatici, l’applicazione delle stesse renderà il nostro Paese parte attiva nel garantire il rispetto del regolamento e nella salvaguardia del clima mondiale. Un ulteriore aspetto particolarmente importante sull’esistenza di sanzioni è prevenire il commercio illecito di idrofluorocarburi.

Il testo normativo fungerà da complemento al decreto del Presidente della Repubblica 16 novembre 2018, n. 146, attuativo del Regolamento F-GAS e prevedrà:

  • norme rigorose sull’uso dei gas fluorurati
  • condizioni relative all’immissione sul mercato di prodotti contenenti tali gas
  • sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione degli obblighi in materia di prevenzione delle emissioni e di sistemi di rilevamento delle perdite
  • pene detentive per la violazione degli obblighi ivi previsti
Cosa può causare il ritardo dell’Italia nell’applicazione di tali sanzioni?

Gli Stati membri hanno convenuto di notificare alla Commissione le misure nazionali in materia di sanzioni entro il 1º gennaio 2017. A tutt’oggi la Commissione non ha ricevuto tale notifica né dall’Italia né dalla Romania. Se gli Stati membri interessati non risponderanno in modo soddisfacente entro 2 mesi, la Commissione potrà decidere di inviare un parere motivato.

Write your comment Here

info@rolesco.it

+39 06 93 42 638

Via Villafranca 3, Ariccia (Roma) 00072